Pubblicato in: libri, poesie, Recensioni libri

Canto di una donna libera di Jasmin Darznik

Teheran 1950

“Come un uccello in gabbia,

la donna che scriveva poesie

non ha mai smesso

di cantare”

La frase poetica che accompagna il titolo del libro (molto bella) descrive già un po la vita della protagonista del libro di Jasmin Darznik Scrittrice Poetessa iraniana-americana

jasmine-E

nata proprio nella capitale iraniana Teheran nel 1973 e laureatasi  in giurisprudenza nell’Università della California, e che ha poi proseguito gli studi per conseguire il Dottorato in Letteratura inglese ed oggi insegna Letteratura e Scrittura a San Francisco.Ha scritto un Memoir che è stato un bestseller del New York Times e ha ricevuto numerosi premi.

 

Questo libro è ispirato alla storia vera della più grande poetessa persiana Forugh Farrokhzad (Teheran 29 dicembre 1934 – 13 febbraio 1967 Darband, Iran), spirito ribelle che sfida la società maschilista e patriarcale nell’Iran (Persia) degli anni 50/60.

“Ricorda il suo volo, poiché l’uccello è mortale” Forugh Farrokhzad

 

“E c’è una strada dove i ragazzi che mi amavano 

sono ancora lì

con i loro capelli spettinati e i colli sottili e le gambe magre,

pensano ancora al sorriso innocente di quella ragazza

che una sera il vento portò via con sé”. Forugh Farrokhzad 

 

Alcuni dialoghi e parti importanti del libro:

“La membrana di pelle è intatta” disse a mia madre quando lei rientrò.Sua figlia è ancora vergine.”

“Grazie a Dio” esclamò mia madre, alzando le mani al cielo emormorando una preghiera veloce.”E il certificato?”

“Ma certo”rispose la donna in tono leggero, glielo firmo io stessa, Khanoom.

 

Mio padre quando ero bambina non osavo mai chiamarlo “padre”, lui ce lo proibiva.

 

mia madre non si aspettava la felicità dal matrimonio (era stata educata a rinunciare espressamente a quella speranza), ma i suoi dubbio le sue paure non le impedirono di guardare al suo futuro, e il suo futuro era in tutto e per tutto suo marito.

 

“Nessuno pensa ai fiori

nessuno pensa ai pesci

nessuno vuole credere

che il giardino sta morendo,

che s’infiamma il cuore del giardino

sotto il sole

che piano piano si svuota

la memoria del giardino dei suoi verdi ricordi,

e i sensi del giardino

paiono ormai cosa spoglia

consumata nel giardino solitario”.

da:Mi fa pena il giardino

 

La mia testardaggine era il tormento di mia madre.Una bambina iraniana viene educata a essere silenziosa e mite, ma sin dalla primissima infanzia, io sono stata cocciuta, chiassosa e sfrontata.

 

“E questa sono io,

una donna sola

sul margine di una stagione fredda,

adesso che comprendo l’essenza sporca della terra

e la semplice triste disperazione del cielo

e l’impotenza di queste mani di cemento.

Mi penetra il freddo,

e odio gli orecchini come conchiglie,

mi penetra il freddo e so bene

che null’altro resta,

se non qualche goccia di sangue,

delle rosse illusioni di un papavero selvatico”.

 

da:Crediamo pure all’inizio della stagione fredda

 

“Se la poesia è emozione che diventa incendio, allora Forugh Farrokhzad era fatta di fuoco.Canto di una donna libera è un resoconto preciso e potente della necessità di opporsi e dire la propria. e delle conseguenze del coraggio.” BookPage

 

Bella sorpresa questo primo libro di Jasmin Darznik, ogni pagina è interessante ed è facile immedesimarsi nella protagonista del libro.

La Persia di quegli anni era una nazione che si stava apprestando a diventare quella dello Scià Reza Pahlavi che rese il paese moderno e molto vicino a quella che era la cultura occidentale pur nel rispetto dei sacri principi persiani.

La storia della poetessa Farugh Farrokhzad pur nella differenza della sua poesia è simile a quella che ancora molte giovani non solo iraniane si ritrovano ancora a vivere:una prigione fatta da una società patriarcale, maschilista e fanatica (non solo religiosa).

La lettura di questo libro è consigliatissima.

Edizioni Piemme Libri

Traduzione di:Valentina Daniele

Acquistabile da: L’ Aleph Libri di Lipari in via Guglielmo Marconi

 

canto di una donna libera
Edizioni Piemme Libri

 

 

 

 

 

 

Autore:

Sono un Acquario appassionato di Poesie e Narrativa, ne scrivo anch'io. I libri rappresentano il mio tappeto volante e anche un rifugio dai rumori della quotidianità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...